Category: Novità

rel. 1027

Invio Promemoria servizi al Telegram degli autisti

In questa release abbiamo realizzato l’aggancio di BUSSTOP a Telegram (programma di messaggistica istantanea simile a WhatsApp). Ciò consente d’inviare un promemoria dei servizi da svolgere, sul Telegram degli autisti.

Di seguito, il video manuale per impostare e utilizzare questa funzione

Sistemati alcuni bug, tra cui l’errore in chiusura ricerca servizi da tabellone

rel 1026

Ripristinata la possibilità d’invio fatture/NC di cortesia per email, direttamente dalla stampa fatture noleggi, da fatture immediate e da fatture contratti.

Come mostrato in figura, abbiamo esposto il flag d’invio PDF fattura

Terminata la creazione dei file XML, ecco apparire la maschera d’invio delle fatture di cortesia PDF

Nelle fatture immediate

Nelle fatture contratti

Scadenzario

E’ stato creato un vero e proprio scadenzario clienti, ordinato per codice cliente o per data scadenza. Naturalmente la stampa viene alimentata dalla generazione di fatture noleggio, immediate, a contratto. Da Stampe – Stampa scadenzario

Come mostrato, possiamo lasciare vuoti i campi Cliente per ottenere tutte le scadenze, o selezionarne uno o più in particolare. La stampa si attiva solo se si inserisce la data (rettangolo rosso). Infine scegliere il tipo di ordinamento

Per codice cliente

Per data scadenza

Stampa elenco RIBA

Creata la stampa dell’Elenco RIBA. La stampa viene alimentata dalla generazione fatture, il cui tipo pagamento è per RIBA. La stampa si attiva inserendo il periodo dalla data alla data di scadenza.

Condizioni essenziali per il funzionamento sono:
inserire nella scheda cliente
1) il pagamento riba inserito correttamente

2) la banca di appoggio del cliente

Questo il risultato

Si noti l’importo totale perché sarà quello che presenteremo alla banca prescelta, attraverso la Stampa distinta RIBA da menù Stampe. (vedi esempio sotto)

Inserire Data di presentazione, Dalla data – Alla data: a questo punto compare il Totale importo del periodo. Per assegnare la banca, basta cliccare sulla riga della banca prescelta (rettangolo blu) e poi premere il bottone Assegna Banche.
Attenzione: per rendere definitiva l’assegnazione della banca a cui presentare le RIBA, stampare in Esecuzione

Sarà possibile anche dividere l’importo su più banche, modificandolo nella colonna Importo proposto


Premendo il bottone Stampa otteniamo

Quando si crea una Nota di credito, richiamando la fattura di origine attraverso il bottone Copia, può essere creata automaticamente e al solo fine di una stampa di cortesia, una riga descrittiva che ne richiama il numero e la data fattura. Per attivare questa funzione, Archivi – tabelle prenotazione – Parametri – pagina 8 attivare il flag Rif. NC i copia Fatt. imm. (rettangolo rosso)

ATTENZIONE: nel file XML, l’inserimento è automatico e a prescindere dall’attivazione del flag.

Questo il risultato. Ovviamente potete modificare la riga, inserendo la motivazione per cui si emette la nota di credito.

rel. 1025

Fatture contratto km + fisso giornaliero

di seguito il video manuale

Gestione oggetti smarriti

di seguito il video manuale

Caricamento di una nuova banca sui clienti

Può capitare di dover sostituire una nostra banca, su un certo numero di clienti a cui era stata assegnata la banca divenuta obsoleta.

In Utility è stato aggiunto il menù “Cambio banca cliente

ATTENZIONE: FARE COPIA DI BACKUP PRIMA DI ESEGUIRE QUESTO PROGRAMMA

Come si nota nell’immagine (rettangolo blu) è possibile sostituire la nostra banca per i pagamenti tipo Bonifico bancario, ma anche la banca del cliente nel caso di pagamento con RIBA.

Nel nostro esempio, ai clienti che avevano come banca dove effettuare il bonifico l’UNICREDIT, dopo aver premuto OK verrà assegnata la BANCA DELLE MARCHE. Questo avviene anche per la banca CUP/CIG

In riferimento alla sostituzione della banca di appoggio, consigliamo massima prudenza nell’uso di questo programma, perché una volta eseguito, il risultato è irreversibile. Da qui la necessità di avere una copia di backup del database.

GESTIONE INCASSO AUTISTA

Se a incassare un servizio viene comandato l’autista, in prenotazione attivare il flag. “Inc. Aut“, cliccare sul campo “Importo caparra” per riportare l’importo da incassare, o digitarlo manualmente se diverso dall’importo servizio. Come si nota in figura, si attiverà automaticamente anche il flag “Incasso anticipato

All’apertura di BUSSTOP, se opportunamente attivata, si aprirà la griglia “Opzioni scadute/incasso ant./Scad.ZTL” nella quale tra le altre cose, verranno riportati tutti i servizi che devono essere incassati dagli autisti. Quando riceveremo l’incasso, dovremo comportaci come mostrato in figura.

rel. 1024

Reverse Charge (inversione contabile)

l’uso della natura N2.1, dal 2021, è obbligatoria:

  • tanto per le operazioni effettivamente “non soggette” ossia quelle (verso chiunque) territoriali extra UE (comma 6-bis, lettera b),
  • quanto per quelle territoriali in altri Stati UE nei quali – per l’operazione – opera il reverse charge e quindi per il fornitore IT non stabilito in detto Stato, l’obbligo della fatturazione dall’Italia (comma 6-bis, lettera a).

L’art. 21, comma 6-bis- lett. a), recita: “I soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato emettono la fattura anche per le tipologie di operazioni sottoelencate quando non sono soggette all’imposta ai sensi degli articoli da 7 a 7-septies e indicano, in luogo dell’ammontare dell’imposta, le seguenti annotazioni con l’eventuale specificazione della relativa norma comunitaria o nazionale: a) cessioni di beni e prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui all’articolo 10, nn. da 1) a 4) e 9), effettuate nei confronti di un soggetto passivo che e’ debitore dell’imposta in un altro Stato membro dell’Unione europea, con l’annotazione “inversione contabile“;

A stretto rigore normativo per queste ultime si presenta pertanto la necessità di dover indicare in fattura la dicitura “inversione contabile” che, come meglio precisato nella guida AdE (versione 1.3 aggiornata al 18 dicembre 2020), va gestita inserendo «la dicitura “INVCONT” nel campo 2.2.1.16.1 <TipoDato> del blocco 2.2.1.16 <AltriDatiGestionali>». – VEDERE PAGINA 26 DELLA GUIDA SOTTO RIPORTATA

Premesso tutto questo, l’inversione contabile dipende dalla nazionalità del cliente e in sintesi si può dire che:
a) i clienti con nazionalità all’interno della CEE Italia esclusa, se viaggiano all’estero riceveranno fattura con inversione contabile
b) i clienti con nazionalità fuori dalla CEE , se viaggiano all’estero riceveranno normale fattura senza inversione contabile

Per ottenere questo risultato si deve:

  1. Prima d’ installare l’aggiornamento, sistemare i codici ISO delle nazioni CEE, lasciando poi che sia BUSSTOP a flaggare tutte quelle extra CEE alla prima apertura. (vedi immagine sotto)

2. In tabella Codici IVA, caricare un nuovo art. 7 con attivo il flag Inversione contabile

3. Inserire il nuovo codice IVA a pagina 8 della tabella dei parametri

Questa la fattura di cortesia

Questa la fattura elettronica/file XML

Aggiornata la grafica del nuovo tabellone che ora è più simile al precedente.

Il vecchio tabellone verrà presto rimosso dal programma. Siete invitati pertanto a utilizzare il nuovo. Per attivarlo, entrare in Utility – Opzioni e attivare:

a) alla pagina Opzioni, il flag “Visualizzazione a schede”
b) alla pagina Colori e Opzioni, il flag “Usa nuovo tabellone”

rel. 1020

Nuova fattura elettronica ver. 1.6.1.

Vediamo di seguito le novità che condizionano il programma BUSSTOP

La legge prevede che il momento in cui è obbligatorio emettere la fattura di un servizio, corrisponde al momento dell’incasso.

Normalmente pertanto, quando si incassa anticipatamente un servizio che deve essere ancora svolto, si emette una fattura anticipata.

È possibile però, al pari della vendita di merci, emettere una fattura a fine mese pur avendo già incassato l’importo ?

Agenzia delle Entrate ha chiarito che questo è possibile, purché venga emesso un documento similare a un DDT o Fattura proforma, che contengono tutti gli elementi necessari allo scopo.

In BUSSTOP, questo documento è denominato ”’Documento di servizio”’ http://wiki.busstop.it/index.php/Documenti_di_servizio

Inoltre, con la fattura elettronica 1.6.1 in vigore dal 01/01/2021, se si fattura a fine mese un servizio già incassato, cambia anche il tipo di documento da inserire nel file XML.

In Archivi – Contabilità – Tipi documento pertanto, si devono creare 2 nuovi tipi di documento:

FATTURA ELETTRONICA DIFFERITA

FATTURA EL. DIFFERITA SPLIT PAYMENT

In Archivi – Tabelle prenotazione – Parametri – pagina 8, si devono riportare i nuovi tipi documento negli appositi campi, come mostrato in figura

In Archivi – Amministrazione – Azienda pagina Fattura elettronica, vanno riempiti ove necessario, i campi relativi al prefisso fatture differite

Il risultato che si ottiene nel file XML sarà:

TD24 per le fatture differite a fine mese

TD01 per le normali fatture e fatture anticipate

Nota degli sviluppatori:

Sappiamo che molte aziende continueranno a fatturare anticipatamente i servizi incassati, rendendo di marginale importanza questa implementazione.
Noi consigliamo comunque di configurare BUSSTOP come qui sopra descritto per un eventuale utilizzo futuro, in caso di necessità.

Nature IVA

Dato che lo scopo della fattura XML 1.6.1 è quello di avvicinarsi alla dichiarazione IVA precompilata sulla falsa riga del 730, sono state puntualizzate alcune nature IVA inerenti sia la tratta italiana, sia la tratta estera di un viaggio all’estero e inoltre per le dichiarazioni d’intento.

Per adeguare BUSSTOP a queste natura IVA è sufficiente entrare in Archivi – Contabilità – Codici IVA e selezionare:

  • Art.9 (tratta italiana del viaggio estero)
  • Art.7 (tratta estera del viaggio estero)
  • Art.8 (esportatori abituali)
  • eventuali altri articoli utilizzati
    e a questi, cambiare la natura IVA come mostrato in figura

A oggi, non possiamo né vogliamo suggerire quali natura IVA associare alle esenzioni sopra indicate in quanto, mentre è abbastanza chiaro che per

  • Art.7 (tratta estera del viaggio estero) l’associazione è con N2.1
  • Art.8 (esportatori abituali) l’associazione è con N3.5
    non ci è chiaro cosa associare all’ART.9

Consigliamo pertanto di rivolgersi al proprio consulente fiscale e applicare quanto da lui suggerito.

Miglioramenti

nell’Hint del servizio indicati importo netto e lordo

Cambiato nome ai bottoni nelle form di stampa della fattura immediata


e anche quelli presenti alla pagina Dati generali

Impedito l’uso di caratteri speciali e di quelli che vanno in conflitto in SQL, per i codici dei Periodi di validità, delle Linee e delle Corse. Un warning avvisa quale carattere non deve essere usato.

Controllo fatture elettroniche

Abbiamo voluto inserire il controllo delle fatture elettroniche (file XML) direttamente in BUSSTOP, con i medesimi criteri applicati da Agenzie delle Entrate. Specifichiamo però che i controlli di correttezza tra codice identificativo e Partita IVA indicati in fattura, non sono possibili, in quanto non abbiamo l’accesso di BUSSTOP al Registro Imprese.

In Utility, selezionare Controllo fatture elettroniche.
In questa maschera è possibile selezionare il controllo delle fatture prodotte con

  • Vecchia versione del file XML (1.5) generati utilizzando BUSSTOP fino alla rel. 1019
  • Nuova versione generati con BUSSTOP dalla rel. 1020.

Inoltre si può selezionare un singolo file XML premendo il bottone File da controllare (rettangolo rosso)
oppure l’intera cartella delle fatture elettroniche, premendo il bottone Controlla una cartella (rettangolo blu)

ATTENZIONE: in questo caso, come mostrato in figura, i file XML non sono visibili.

Questo il risultato del controllo:

  • In verde le fatture formalmente corrette
  • In rosso le fatture errate con indicazione dell’errore

rel. 1018

% di sconto o maggiorazione nelle fatture tra aziende dello stesso gruppo

In archivi – Amministrazione – Azienda, creata una percentuale di maggiorazione (rettangolo rosso) o di sconto (segno – rettangolo verde) da applicare alla fatturazione tra le aziende dello stesso gruppo.

La % è riferita alla azienda che esegue il servizio e fattura alle altre aziende collegate. es: A1 15% di maggiorazione se fattura ad A2 e A3

Esempio: l’azienda Autoservizi Pinko Pallino svolge un servizio per l’azienda collegata Busstop di Zani Sanzio & C. snc con maggiorazione del 15% sull’importo del servizio di € 500,01

.

Gestione scadenze

Visto il proliferare delle scadenze che puntualmente dobbiamo implementate in BUSSTOP, abbiamo integrato la gestione delle stesse. L’utente può creare a piacere ogni tipo di scadenza che si comporta esattamente come tutte le altre, finendo sul foglio di viaggio e nella stampa scadenze. In archivi – Tabelle prenotazione – Tabella scadenze, inserire una Descrizione, un Periodo di rinnovo il quale è poi identificato dal Tipo periodo. Nel nostro esempio, Periodo di rinnovo 6 – Tipo periodo Mesi

Queste scadenze vanno agganciate alla scheda Autisti, alla scheda Bus o alla tabella Azienda oppure anche su tutte le tabelle contemporaneamente. Nell’esempio sotto, si preme il bottone Scadenze
aggiuntive (Autisti e bus alla pagina scadenze, mentre in Azienda alla pagina Anagrafica – rettangolo rosso) e si inseriscono le scadenze generate nella Tabella Scadenze sopra descritta.


Anche la gestione è cambiata, mostrando le nuove scadenze create dalla Tabella scadenze e una nuova sezione relativa alle scadenze legate all’azienda. Per selezionarle è stata introdotta una nuova lista di selezione (vedi immagine sotto – rettangolo verde)) restando però invariato il modo di rinnovarle.

OpenRouteMaps

quando ci sono nomi simili di città, in regioni o nazioni diverse nel mondo, viene mostrata una maschera che indica tutte le possibili scelte. Per comodità dell’operatore, la selezione è stata limitata alla sola Europa. Provare RIMINI-PERO

ATTENZIONE: le colonne della griglia si possono spostare e la nuova posizione viene tenute in memoria

Tipo servizio in IVA Estero

Nella stampa della dichiarazione iva estero, sono stati aggiunti i campi “Codice” e “descrizione” del tipo servizio (rettangolo rosso)

Listini linee

Nella griglia dei Listini linee è ora possibile possibile ordinare per data inizio validità. Cliccare sul nome colonna (freccia rossa) per invertire l’ordinamento.

Importazione servizi da Subway

In Utility – Opzioni – pagina Colori Opzioni, ora trovate il campo “Orario importazione Geobus”.

che deve essere valorizzato diverso da 00.00 (orario di default – non importa nulla) per rendere automatica l’importazione servizi da Geobus.
ATTENZIONE: condizioni essenziali per un corretto funzionamento

1) scegliere un orario in cui nessuno lavora in BUSSTOP (es: 05.00)
2) un BUSSTOP in cui è stato valorizzato il campo, deve essere lasciato aperto anche con screen saver

Fatture elettroniche

Nel campo 2.2.2.8 del file xml dove era già presente la descrizione dell’esenzione iva di un viaggio è stato aggiunto il codice con la seguente sintassi. 5 caratteri (a prescindere da quanto inserito in busstop)+ spazio + descrizione

ES: 109 Non imp. art. 9 diventa 109 Non imp. art. 9
ad uso programmatori che intendono importare le fatture su gestionale contabile tramite file xml

rel. 1017

Conferma prenotazioni con spese

Realizzata la stampa Conferma prenotazioni con spese per ottenere una coerenza con il preventivo con spese. In prenotazioni, inserire le righe fattura con flag “Da fatturare” attivo ed eventualmente l’esenzione iva.

La stampa riporterà il totale delle spese da addebitare al cliente (rettangolo verde) e il dettaglio delle stesse (rettangolo blu). Attenzione: qualunque sia il codice di esenzione della spesa, verrà riportata la dicitura “Esente”, mentre se il campo viene lasciato vuoto, riporterà l’aliquota iva attuale del 10% (Rettangolo rosso)

Il file di stampa è pubblicato a parte sul sito di BUSSTOP
in forma compressa, con il nome di ” Modulo Conferma Spese“. Questo file SOSTITUISCE (non è una alternativa) la vecchia stampa di conferma. Per evitare sovrascritture involontarie con moduli personalizzati, abbiamo assegnato il nome di ConfermaPrenotazioneSpese.fr3 Le operazioni da seguire sono pertanto le seguenti:che

1) IN CUSTOM del server, rinominare il vecchio file in ConfermaPrenotazioniOld.fr3
2) estrarre il file zippato nella cartella CUSTOM del BUSSTOP del server
3) rinominare il file ConfermaPrenotazioneSpese.fr3 in ConfermaPrenotazione.fr3

Bordo su servizi a contratto Si/No

Con la rel. 1016 era stato introdotta la possibilità di mettere un bordo colorato a scelta, sui servizi a contratto. Una volta impostato però, era impossibile tornare indietro e lasciare il servizio senza bordo. In questa release abbiamo inserito un Flag nelle opzioni tabellone alla pagina Opzioni per scegliere se visualizzarlo o meno

memorizzato i flag delle varie scadenze nella gestione Stampe – Scadenze in modo tale che ogni operatore possa gestire le proprie. Memorizzare inoltre la pagina di entrata O Scadenze o Officina

Nuovo Tabellone

Per utilizzare il nuovo tabellone, in Utility – Opzioni – Colori e Opzioni, attivare il flag “Usa nuovo tabellone“. Il processo è reversibile, disattivando il flag. Per completare, riavviare BUSSTOP

Nasce dall’esigenza di programmare con tecnologie più moderne ed adatte ai nuovi sistemi operativi (windows 10) e quindi renderlo usabile ancora per diversi anni, ottimizzando inoltre velocità ed uso della memoria.

Cosa c’è di diverso ?

1) nel tabellone inferiore, vengono caricati i dati solo all’apertura delle singole pagine (Bus reali, Autisti, Terzi, Totali). Questo comporta più velocità e meno risorse impiegate
2) allargata la colonna bus virtuali
3) Il tabellone si può chiudere
4) sono spariti alcuni bottoni in quanto le loro funzioni sono svolte automaticamente dal programma
5) i turni possono essere visti e manipolati anche con visualizzazione giornaliera e non più solo oraria

Ulteriori funzioni in “Copia per giorno” e “Copia per bus”

nella form di Copia per giorno e Copia per bus, aggiunto flag per copiare si/no il percorso degli allegati alle prenotazioni. e quello degli allegati ai FDV (il flag non rimane memorizzato)

Prezzi precedenti

Nella maschera dei prezzi precedenti, (destro sul campo importo dei preventivi o delle prenotazioni) ora i flag Tutti/cliente e Descrizione percorso/codice percorso una volta selezionati, rimangono memorizzati per gli usi successivi.

Calcolatrice di BUSSTOP

Ora la calcolatrice di BUSSTOP (Utility – Calcolatrice) scorpora gli importi come richiesto dallo SDI . (senza arrotondamenti)
Per esempio 500,00 scorporati e ri addizionati di iva, diventano 500,01

Controllo inserimento indirizzi mail

Uno dei prossimi controlli da parte dello SDI, sarà quello dell’esatto inserimento degli indirizzi mail nel file xml delle fatture. Abbiamo introdotto in BUSSTOP questo controllo, segnalando tutti quei caratteri non ammessi, con il messaggio “Indirizzo Email non valido” Inoltre, da Stampe si può eseguire la stampaControllo Email” sia per i clienti sia per i fornitori. Verranno mostrate tutte le Email errate di quegli archivi.

Controllo periodi validità in esportazione e importazione internet

Da biglietti – Internet – Esportazione e importazione internet,
vengono ora controllati i periodi di validità. Se il periodo ha le date non più valide o addirittura vuote, il programma ritorna il messaggio

Sistemati alcuni bug del programma

rel. 1016

Se non vogliamo inviare mail autista per assenza di servizi è sufficiente andare in Archivi – Tabelle prenotazione – Parametri – pagina 4 e cancellare il messaggio (rettangolo rosso)

Cambio tipo campo ore riposo in contratto autisti

Cambiato in Archivi – Tabelle prenotazione – Tabelle dipendenti – Contratti autisti, il tipo di campo del minimo e massimo tempo di riposo, portandolo da ore a minuti, in modo tale da consentire eventuali future variazioni del dato. Nell’esempio riportato (rettangolo rosso) i Min Riposo sett. è di 2430 minuti, ovvero 40 ore e 30 minuti

La maschera che si apre per avvisare della data massima di recupero del riposo riporta adesso i valori in ore e minuti

Per facilitare il compito di chi lavora sul tabellone, abbiamo implementato 2 nuove possibilità grafiche: (aprire tabellone e premere pulsante Opzioni (rettangolo verde)

1) mettere una cornice colorata al servizio derivato da contratto (bordo contratti)
2) alternare i colori delle righe del tabellone, per meglio individuare i servizi. (colore alternato celle)

Questo il risultato

Warning emissione Nota di Credito per cambio importo

Rammentiamo che la nota di credito per stornare totalmente una fattura e riemetterla, deve essere fatta col metodo di cambio cliente, mettendo sempre lo stesso cliente. Per aiutare l’operatore che utilizza erroneamente il cambio importo mettendo un importo pari al totale fattura
abbiamo voluto mettere un avviso prima di concludere l’operazione. Ricordiamo che questo metodo è valido solo e solamente se si vuole fare nota di credito a storno totale e basta. Esempio doppia emissione della stessa fattura. La prima parte del messaggio, indica chiaramente che Non verrà emessa alcuna fattura

Esportazione dati da Operazioni sui servizi

Da questa versione è possibile esportare il risultato della ricerca effettuata nel programma Controllo aziendale – Operazioni sui servizi, in vari formati


Nuove dichiarazioni di intento

Innanzi tutto nella scheda clienti compilare il campo Cod.IVA/Non imp. (rettangolo rosso) con il codice con cui verranno emesse le fatture nei confronti dell’esportatore abituale.

Sempre alla pagina Contabili, premere il bottone Esport. Abit. e compilare i campi necessari, rammentando che in fattura elettronica verranno riportati i seguenti dati:

  • Prima parte protocollo dichiarazione di intento – 17 caratteri
  • Seconda parte protocollo dichiarazione di intento – 6 caratteri
  • Anno dichiarazione d’intento
    (rettangolo blu)

In BUSSTOP le due parti del protocollo, vanno inseriti nel campo Protocollo telematico n. con la seguente sintassi:
12345678901234567-1223456

Infine la nuova normativa prevede un importo massimo, oltre il quale le fatture andranno emesse al normale regime iva (10%) nel settore del trasporto persone e non più in esenzione. A tal proposito compilare il campo Importo massimo indicatovi dal cliente.

Il campo Importo utilizzato, verrà incrementato dal programma, sommando l’imponibile di ogni fattura emessa (rettangolo rosso)

Qui sotto un esempio di fattura emessa in esenzione da iva in quanto l’imponibile di 150,00 € sommato all’importo utilizzato di 800,00 € è inferiore all’importo massimo di 1.000,00 €

qui sotto invece una fattura emessa per lo stesso cliente ma soggetta ad iva in quanto l’imponibile di 250,00 € sommato all’importo utilizzato di 800,00 € (1.050,00€) superano l’importo massimo di 1.000,00 €

In questo ultimo caso, verrà stampato un riepilogo delle fatture a cui non è stato possibile applicare l’esenzione per superamento dell’importo massimo.

Legenda chiusura servizi modificata

Nella statistica clienti, abbiamo modificato i valori che può assumere il campo C (chiusura) come mostrato in chiusura.

Ricerca tessere – aggiunto pin

In utility Ricerca tessere, aggiunto il campo PIN.

IBAN solo in fattura di cortesia

A causa di Hacker informatici che intercettano i file xml e che sostituisco il codice iban della propria banca con quello di loro convenienza, abbiamo introdotto in Archivi – Tabelle prenotazione – Parametri – Pagina 8 il flag No IBAN in FE (rettangolo rosso) che se attivato, fa si che il codice iban sia riportato nella sola fattura di cortesia e non nel file xml.

Nella figura sotto, si nota che:

nel file xml la banca è priva del codice IBAN (rettangolo blu)
nella fattura di cortesia viene indicato il codice IBAN (rettangolo rosso)

Agganciato file fattura alla gestione Fatture fornitori

Ora è possibile agganciare un file della fattura fornitore in un qualsiasi formato, alla registrazione della stessa.

  • Premendo il bottone indicato dalla freccia verde, si aprirà l’esplora risorse che consente di caricare il file della fattura
  • Premendo il bottone indicato dalla freccia blu, verrà aperto il programma per mostrare la fattura. Nel nostro esempio si aprirà Acrobat reader o programma simile, in quanto è stato agganciato un file pdf

rel. 1015 del 28/01/2020

Calcolo e gestione del recupero dei riposi ridotti

In questa versione è possibile gestire il recupero dei riposi ridotti nel periodo previsto dalla legge

Il primo archivio da completare è in Archivi – Tabelle prenotazione – Costi e parametri Mappoint indicando ogni quanti giorni di lavoro spetta un riposo in Italia e quanti all’estero

Sul contratto noleggio si dovranno indicare le ore di riposo settimanale e le ore minime da compensare sia per i viaggi in Italia sia per quelli all’estero, nonché in quanti giorni si deve effettuare il recupero

In Utility – Opzioni – pagina Opzioni, se si attiva il flag Visualizza riposi all’avvio di BUSSTOP verrà aperta la maschera riepilogativa dei riposi da recuperare

Attivare nelle occupazioni che chiudono/scalano il riposo da recuperare, il flag Chiudi riposo.

Nella scheda autisti alla pagina Altri dati, indicare le date dell’ultimo riposo breve e quella del doppio riposo

e alla pagina Scadenze/Altri Dati indicare la data in cui si è compensato l’ultimo riposo breve.


Una volta assegnato un riposo breve (minimo 24 ore)

Il programma segnalerà le ore da compensare e la data massima entro cui farlo

Assegnato il riposo compensativo o una occupazione che compensa il riposo breve,


i dati verranno azzerati

Aggiunto il campo Mnemonico all’hint delle prenotazioni

Il campo Mnemonico con cui l’utente identifica in modo diverso un cliente. è stato aggiunto all’ hint della prenotazione. (vedi rettangolo rosso)

Gestione scadenziario fatture fornitori

da oggi è possibile gestire il pagamento delle fatture fornitori in una sorta di scadenziario.

Innanzi tutto, in Archivi – Fatture fornitori, aprire il programma Caricamento fatture fornitori, dove devono essere inseriti i dati principali delle fatture, come mostrato in figura. Si tenga presente che i campi Tipo pagamento e Banca (nostra banca) non sono obbligatori, in quanto potranno essere inseriti nella gestione Pagamento fatture fornitori

Richiamare le fatture per le quali si deve effettuare il pagamento è semplice. Indicare il periodo “Dalla data“Alla Data” il Codice o la Ragione sociale del Fornitore, eventualmente il Numero documento e la Data documento e premere il bottone Ricerca. Una volta selezionata/selezionate la/le fatture, espandere con il bottone + del campo ID per inserire l’Importo e la Data Pagamento come mostrato in figura (rettangolo rosso). Come si può notare, si possono inserire anche acconti e saldo. Nel momento in cui la fattura risulta saldata, verrà nascosta in gestione e sarà richiamabile solamente togliendo la spunta “solo da pagare”

Con il bottone Stampa (freccia rossa) sarà possibile stampare quanto visibile nella griglia. Sarà l’utente pertanto, che deciderà i dati da stampare.

Ora i pagamenti anticipati saldano la fattura

Quando una fattura viene emessa con pagamento anticipato, ovvero la stessa risulta già pagata, in fatture immediate viene attivato automaticamente il flag di Saldata ed inserito l’intero importo nel campo Pagamenti successivi. (rettangolo rosso) In questo modo la fattura non comparirà nei solleciti di pagamento.

7 ZERI O 7 X PER CLIENTI NON PUBBLICI INSERITI IN AUTOMATICO

Per i clienti di tipo NON PUBBLICO, i 7 zeri o le 7 X vengono inserite in automatico in fase di creazione, al momento del salvataggio (F10)

Automatizzata la Riga descrittiva nella fattura di acconto Elettronica

Nelle fatture di acconto elettroniche, viene richiamato il servizio su cui agganciare l’acconto ricevuto dal cliente. Questo consente di avere una fattura finale, con detrazione automatica della fattura di acconto. Con questa release, se si vuole, si può ottenere la riga descrittiva della fattura di acconto, in modo del tutto automatico.

Innanzi tutto, attivare in Archivi – tabelle prenotazione – Parametri – Pagina 8 il flag Rif. servizio in fatt. di acconto (rettangolo rosso)

Dopo aver richiamato il servizio, (rettangolo blu) questa è la riga descrittiva creata dal programma (rettangolo rosso)

Lettere di intento

ADEMPIMENTI PREVISTI DAL
DECRETO-LEGGE 30 aprile 2019, n. 34, Articolo 12 septies

Fino alla versione 1014 di BUSSTOP, per riportare i dati della lettera di intento nel file xml, avevamo suggerito di compilare il campo Causale fattura elettronica (croce rossa).

Questo non è più necessario perché sono stati attivati a tale scopo, i campi che troviamo premendo il bottone Esport Abit (rettangolo blu) che si trova alla pagina Contabili della scheda clienti.

Rammentiamo che nel file fattura xml, devono essere riportati i seguenti dati:

  • Assoggettamento IVA Dichiarazione d’Intento (pagina Contabili – campo Cod. IVA/Non imp.
  • Codice fiscale del dichiarante. (pagina contabili attivare flag Invia sia P.IVA che Cod. Fisc.)
  • ANNO Dichiarazione d’Intento ricavato dalla data
  • PROTOCOLLO Dichiarazione d’Intento (prima parte, 17 cifre)
  • PROTOCOLLO Dichiarazione d’Intento (seconda parte, 6 cifre)
    che in BUSSTOP devono essere inseriti nel campo Protocollo telematico N. separati dal segno – (vedi esempio sotto croce rossa)

Questo il risultato riportato nel file xml
DICHIARAZIONE D’INTENTO ANNO 2020 PROTOCOLLO 19123109564458963-000027

Una volta riempiti i campi come descritto, cancellare la dicitura riportata nel campo Causale fattura elettronica

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google